1805

Questa linea temporale fa parte dei nostri primi piani su: la campagna prussiana e l’ingresso di Napoleone a Berlino, 27 ottobre 1806.
Fine ottobre/inizio novembre: Federico Guglielmo III, re di Prussia e Alessandro, zar di Russia si incontrano. Firma del cosiddetto “Trattato di Potsdam”, un accordo (segreto) con il quale la Prussia avrebbe presentato un ultimatum a Napoleone: la Francia doveva tornare a quanto concordato a Lunéville, altrimenti la Prussia si sarebbe unita agli alleati della Terza Coalizione.

14 novembre: Il diplomatico prussiano, Haugwitz, lasciò Berlino per incontrare Napoleone per presentargli l’ultimatum.

28 novembre (7 Frimaire): Haugwitz è finalmente concesso l’accesso a Napleon (in quel momento a Brünn in piena preparazione per la battaglia che si avvicina). Tuttavia, il prussiano non ha presentato un ultimatum, ma piuttosto una lettera del re. Napoleone pensava che la Prussia non avesse ancora deciso da che parte sostenere. Di conseguenza ha inviato Haugwitz a Vienna continuare a negoziare con Talleyrand.

2 dicembre (11 Frimaire): La vittoria di Napoleone ad Austerlitz. L’imperatore era ora in una posizione forte per raggiungere la sua”gloriosa pace”.

3 dicembre (12 Frimaire): l’Incontro tra Alessandro e Francesco II.

4 dicembre (13 Frimaire)
Incontro tra Napoleone e Francesco II.

6 dicembre (15 Frimaire)
Firma di un armistizio con l’Austria.

10-12 dicembre (19-21 Frimaire): Firma del Trattato di Brünn.

10 dicembre: La Francia ha firmato un trattato con la Baviera in base al quale il ricevuto, come ricompensa per il suo sostegno, ulteriore territorio e diventare un ‘regno’.

11 e 12 dicembre: La Francia firmò un trattato simile con i sovrani di Wurtemberg e Baden, il primo ricevette una corona reale, il secondo la dignità di Granduca. Napoleone stava iniziando il suo sistema di alleanza e controllo sulla terza Germania (la Germania tra Prussia e Austria).

15 dicembre (24 Frimaire): Firma a Schönbrunn di un’alleanza franco-prussiana offensiva e difensiva sub spe rati (cioè, nella speranza che l’alleanza sarebbe stata ratificata dal re di Prussia): La Prussia doveva cedere Neuchâtel, Bayreuth e Ansbach e ricevere Hannover, di fatto un possedimento britannico ma occupato dalle truppe francesi. Aspettando fino a dopo Austerlitz, la Prussia aveva perso l’occasione di presentare il suo ultimatum. E così, in una posizione debole rispetto alla Francia, la Prussia non prese Hannover ma la ricevette in dono da una terza parte.

26 dicembre (5 Nivôse): Trattato di Pressburg tra Francia e Austria: cedendo molti territori nel regno d’Italia e consegnando territori alla Baviera, al Württemberg, al Baden e alla Francia, la Casa d’Austria fu notevolmente indebolita nella sua influenza sull’Italia e sulla Germania.

1806

3 gennaio: Napoleone continuò la sua politica di estendere la sua influenza sulla Terza Germania firmando un’alleanza matrimoniale con la Baviera, sposando il 14 gennaio il suo figliastro e viceré d’Italia, Eugène de Beauharnais, ad Augusta, figlia del re di Baviera. L ‘ 8 aprile, la nipote dell’imperatrice giuseppina, Stéphanie de Beauharnais, sposò il principe ereditario di Baden. A Berlino, un Consiglio di Stato si riunì per discutere il Trattato di Schönbrunn e lo modificò – il re aveva già barrato le parole ” alleanza difensiva / offensiva “sostituendole semplicemente con”alleanza”.

14 gennaio: Haugwitz ha lasciato Berlino per Parigi al fine di completare la trattativa.

23 gennaio: In Gran Bretagna, alla morte di William Pitt “il giovane”, William Wyndham Grenville guidò il nuovo governo, con Charles James Fox (che aveva la reputazione di essere filo-francese) come ministro degli Esteri.

24 gennaio: Ritirata generale e smobilitazione delle truppe prussiane, specialmente intorno a Wurtzburg.

26 gennaio: Napoleone torna a Parigi.

9 febbraio: Napoleone dà udienza a Haugwitz, ma lo tratta freddamente, congedandolo bruscamente quando sente che le truppe prussiane stavano già prendendo possesso di Hannover.

15 febbraio: A Haugwitz viene presentato un nuovo trattato. Alcune delle clausole del trattato del 15 dicembre 1805 sono ripetute, ma altre imposizioni includono: che la Prussia ceda la fortezza strategicamente importante di Wesel: che dovrebbe chiudere i suoi porti alle merci provenienti dalla Gran Bretagna e che dovrebbe dichiarare guerra alla Gran Bretagna. Questo trattato fu ratificato da Federico Guglielmo III il 26 febbraio.

22 febbraio: Chiusura dei porti francesi alle merci provenienti dalla Gran Bretagna.

6 marzo: In uno spirito di apertura e distensione, Fox invia una lettera a Talleyrand, informandolo che un certo Guillet de La Gebrillière (arrestato ma successivamente rilasciato in Gran Bretagna) stava progettando di assassinare Napoleone.

27 marzo: la Prussia chiuse i suoi porti alle merci provenienti dalla Gran Bretagna.

30 marzo: L ‘ “Acte des Tuileries” proclama ufficialmente Giuseppe re di Napoli e di Sicilia.

1 aprile: Talleyrand risponde favorevolmente a Fox, proponendo una riunione di plenipotenziari.

8 aprile: A seguito di precedenti accordi tra Gran Bretagna e Russia, Fox suggerì a Talleyrand che la Russia avrebbe dovuto prendere parte alle discussioni di pace tra Francia e Gran Bretagna.

11 maggio: la Gran Bretagna dichiara guerra alla Prussia.

23 maggio: Presto il plenipotenziario britannico, Lord Seymour, conte di Yarmouth, prigioniero di guerra ad Amiens, fu liberato per decreto imperiale in modo da poter guidare il parlamento.

24 maggio: firmato il trattato creò il regno d’Olanda, sostituendo così la precedente République Batave.

5 giugno: Napoleone proclama suo fratello Luigi Bonaparte re d’Olanda.

6 giugno: Napoleone riceve il nuovo ambasciatore turco, Mouhib Effendi. Le relazioni diplomatiche tra la Francia e la Sublime Porta furono così riattivate, Napoleone sperava che la Turchia avrebbe agito come una rottura con la Russia.

14 giugno: Arrivo a Parigi di Lord Seymour, conte di Yarmouth, il plenipotenziario britannico (era tornato in Gran Bretagna per ricevere il suo brevetto di lettere). Ha portato con sé la proposta di pace del governo britannico.

1 luglio: La Prussia ha firmato un trattato di alleanza con la Russia.

8 luglio: Dopo due mesi trascorsi a Vienna in discussione con gli ambasciatori francesi e britannici, rispettivamente, il chargé d’affaires russo, Oubril, arrivò a Parigi per guidare i colloqui da parte russa. In Russia, il ministro degli affari esteri, Czartoryski, ha offerto le sue dimissioni per essere sostituito dal barone Budberg.

11 luglio: Al fine di mantenere le trattative sui binari, Talleyrand dice a Napoleone (falsamente) che Yarmouth si aspetta un permesso da Fox per dare la Sicilia alla Francia (ricercato per il regno di Giuseppe di Napoli). All’inizio dei colloqui, la Gran Bretagna si rifiutò di discutere l’acquisizione della Sicilia.

12 luglio: Firma del Trattato di Parigi che sancisce la creazione della Confederazione del Reno (Rheinbund). Il trattato doveva essere ratificato da Napoleone e dagli altri firmatari il 19 luglio.

21 luglio: Nonostante l’accordo russo-britannico di negoziare insieme, Oubril fu guidato dal generale Clarke (che aveva sostituito Talleyrand) per firmare un trattato di pace franco-russo. Oubril era comunque ben consapevole di aver superato le sue istruzioni.

31 luglio: Il governo britannico invia un negoziatore più solido sotto forma di Lord Lauderdale, a sostegno di Yarmouth. Dato che l’inviato russo Oubril aveva firmato un trattato separato con la Francia (offrendo la Sicilia), per non essere fatto l’inviato britannico portò con sé una nuova versione del trattato di pace franco-britannico. Le concessioni nel nuovo trattato erano: che alla famiglia regnante sulla Sicilia si trovassero altri territori e riparazioni; che la Gran Bretagna avrebbe accettato non solo il titolo dell’imperatore francese, ma anche quelli di altri nominati o promossi da Napoleone (in modo che la Sicilia potesse essere presa dalla Francia); che tutti i guadagni della Francia dal 1797 sarebbero stati rispettati; che i Borboni sarebbero stati relegati in Scozia o in Irlanda; che eventuali leader Chouan nominati dalla Francia sarebbero stati trasportati in Canada. Questo fu rifiutato da Napoleone perché era (nelle sue parole) ” non ancora completamente maturo.”

1 agosto: I membri della Confederazione del Reno dichiararono che non facevano più parte del Sacro Romano Impero.
6 agosto: Francesco II abbandonò il titolo di Imperatore del Sacro Romano Impero.

9 agosto: Mobilitazione delle truppe prussiane.

25 agosto: Su ordine di Napoleone, Palm, libraio nella città libera di Norimberga viene giustiziato per aver distribuito un opuscolo che incoraggiava la resistenza tedesca a Napoleone. Inizio dei lavori sulla colonna Vendôme.

3 settembre: Napoleone viene a sapere del rifiuto russo di ratificare il trattato di pace. In una lettera a suo fratello, Joseph, datata lo stesso giorno, l’imperatore dice che pensava che la mancata ratifica fosse il risultato del cambio di ministri in Russia. Nella stessa lettera, notò che l’imperatore russo, Alessandro, aveva dato solo una ragione: che non avrebbe firmato senza la Gran Bretagna.

9 settembre: Convenzione di matrimonio firmata tra Francia e Wurtemberg, relativa al matrimonio di Jérôme Bonaparte e Catherine de Wurtemberg (la cerimonia doveva essere celebrata il 22 agosto 1807).

12 settembre: i prussiani invadono la Sassonia per costringerla a partecipare alla prossima guerra contro la Francia. I Sassoni dovevano essere le uniche truppe a combattere al fianco della Prussia a Jena.

13 settembre: Morte del ministro degli Esteri britannico Fox, sostituito da Grey.
Napoleone ordinò a Berthier di andare a Wurzburg (piuttosto che a Bamberg), dando lo stesso ordine ai corpi comandati da Ney, Augereau e Davout.

20 settembre: Napoleone chiama i suoi alleati nella Confederazione del Reno.
25 settembre: Napoleone lascia Parigi per unirsi alla Grande Armée.

28 settembre: Napoleone arriva a Magonza.

1 ottobre: L’ambasciatore prussiano Knobelsdorf consegna a Talleyrand una lettera di Federico Guglielmo III per Napoleone, che contiene l’ultimatum della Prussia: Le truppe francesi dovrebbero ritirarsi oltre il Reno e la Confederazione del Reno dovrebbe essere sciolta.

2 ottobre: Napoleone arriva a Wurtzburg dove incontra i principi tedeschi.

4 ottobre: Dopo un mese di negoziati, Lauderdale presenta ai negoziatori francesi un nuovo trattato. La Sicilia non è più sul tavolo e il tono generale è molto meno conciliante, fermo nella consapevolezza che i russi si erano già rifiutati di trattare. Ben consapevole del fatto che le sue proposte non sarebbero state accolte, Lauderdale chiese i suoi passaporti e lasciò la Francia il 9 ottobre, poiché i negoziati erano andati a vuoto.

7 ottobre: Napoleone viene a sapere dell’ultimatum prussiano. Il giorno prima dell’entrata in vigore dell’ultimatum prussiano, la Grande Armée partì per Berlino.

8-11 ottobre: soldati francesi attraversano le valli del Frankenwald.

8 ottobre: Primo contatto tra le truppe francesi e prussiane a Saalberg.
9 Ottobre: A Schleiz,>La cavalleria di Murat, supportata dalla 3ª divisione del corpo di Bernadotte, batté un corpo di Prussiani e Sassoni guidati da Tauentzien. 400 prussiani / sassoni furono uccisi o presi.

10 ottobre: sconfitta prussiana a Saalfeld, segnata dalla morte del principe Luigi, cugino di Federico Guglielmo III. Presa di Lipsia da parte di Lannes e Suchet.

14 ottobre: Doppia vittoria francese, Napoleone a Jena e Davout ad Auerstedt.

15 ottobre: re Federico Guglielmo scrive a Napoleone chiedendo condizioni di pace.

16 ottobre: La capitolazione prussiana a Erfurt prima di Murat.

17 ottobre: sconfitta prussiana ad Halle davanti a Bernadotte.

22 ottobre: Incontro tra l’inviato prussiano Lucchesini e un intransigente Napoleone.

23 ottobre: Napoleone confisca i territori prussiani tra il Reno e l’Elba, gli stati appartenenti al duca di Brunswick, Hannover e il territorio intorno a Osnabruck, dando la Frisia orientale al re d’Olanda. L’elettorato di Sassonia e il principato di Assia-Cassel sono posti sotto l’amministrazione francese.

24 ottobre: Capitolazione prussiana a Potsdam

25 ottobre: Spandau capitola prima di Lannes

26 ottobre: il corpo di Davout entra a Berlino, mentre Lasalle e Grouchy prendono Zehdenick.
Napoleone medita davanti alla tomba di Federico il Grande.

27 ottobre: Napoleone entra a Berlino.

28 ottobre: Hohenlohe capitola a Prenzlau.

30 ottobre: Stettin capitola davanti alla cavalleria del generale Lasalle.

3 novembre: Napoleone rivolge un proclama ai polacchi invitandoli a sollevarsi.

7 novembre: Blücher capitola a Lubecca davanti a Bernadotte.

8 novembre: Capitolazione di Magdeburgo davanti a Ney.

16 novembre: Firma di un armistizio franco-prussiano, non ratificato da Federico Guglielmo. Il 32 ° Bulletin de la Grande Armée annuncia la fine della campagna prussiana.