Amo i giochi, e se stai leggendo questo allora probabilmente amate i giochi troppo. Le opportunità di evasione, sfida e divertimento sono limitate solo dall’abilità e dall’immaginazione dei designer e dei team di sviluppo. Mi piace anche leggere, e probabilmente hanno consumato centinaia di romanzi fantasy nel corso dei miei quarant’anni. Sono stato quindi davvero eccitato dal tanto atteso debutto della serie Beast Quest su console. Ai miei figli piace il mix di mitologia e tropi fantasy dei libri, e il potenziale interattivo delle prove di un giovane cavaliere che esplora un mondo fantastico è enorme. Pertanto, non mi diverto a scrivere una recensione che non contiene quasi nulla di positivo su questo cinico, datato e costoso tentativo di ingannare i bambini – e i loro genitori – da £30.

I segni non sono incoraggianti anche al primo avvio del gioco, poiché ti trovi di fronte a una schermata di menu che non sembra altro che un gioco PS2 ad alta risoluzione. Apprezzo che questa descrizione sia comunemente usata come iperbole, ma in questo caso, l’intero design del gioco, dalla grafica alla meccanica, viene strappato direttamente da due decenni fa. Ora, mi piacciono i giochi retrò e i giochi di ispirazione retrò, ma non conosco nessuno che abbia una grande nostalgia per i tie-in con licenza ropey che hanno proliferato nei primi anni 2000. Beast Quest condivide molto di più con i personaggi giustamente dimenticati del gioco Eragon che con il panorama dei giochi del 2018. Le trame sono antiche, lo strappo dello schermo e il ritaglio sono all’ordine del giorno e il tutto si avvicina nonostante la sua mancanza di qualità visiva.

– L’ARTICOLO CONTINUA QUI SOTTO –

La trama è fondamentalmente fine, se estremamente generica. Si gioca come giovane Tom, il figlio di un grande cavaliere e maestro di bestie che è scomparso da un certo numero di anni. All’inizio del gioco sei accolto da un misterioso mago la cui somiglianza con Gandalf o Silente è sicuramente casuale. Dopo un breve tutorial che imposta perfettamente il gameplay lineare fondamentalmente ti dice di spingere verso l’alto sulla levetta di controllo si entra in una battaglia di formazione. Ecco l’unica area che avrebbe potuto essere interessante, ma il nuovo mix di combattimento in tempo reale e strategia di battaglia diventa presto stanco e ripetitivo. Questa ripetizione non è aiutata dal fatto che l’intero gioco contiene solo otto diversi tipi di nemici con alcune ri-skin per mostrare i tipi elementali. Di conseguenza, il combattimento diventa un lavoro di routine che deve essere sopportato piuttosto che goduto.

I controlli sono ingombranti e pesanti. Ho perso più salute per la meccanica di salto massicciamente non risponde di quanto ho fatto a uno qualsiasi dei nemici. Passaggi di platform-anche se quel termine lo fa sembrare molto più avanzato di quanto non sia-sono disseminati intorno ai livelli e hanno sempre provocato un gemito da parte mia e dei miei figli che hanno giocato con me. Non c’è co-op di alcun tipo, tuttavia, e così abbiamo giocato passando il controller tra di noi come ogni giocatore è diventato troppo annoiato per continuare.

Il sistema di combattimento di base ha un certo potenziale, ma si sente molto più adatto a un titolo mobile di bilancio di un gioco a prezzi al fianco del calibro di Dark Souls o Shadow of the Colossus. Forse l’aspetto più schiacciante di tutta la debacle è che la ricerca per il vecchio gioco Beast Quest mobile mostra che la versione iOS e Android in realtà sembra e gioca molto più agevolmente di questa parodia.

Una volta che si rendono attraverso il tutorial, si è liberi di esplorare il mondo di Avantia. Con libero, naturalmente, voglio dire che è possibile seguire il percorso quasi interamente lineare attraverso i livelli che sono distinguibili solo per la loro grafica reskinned. I nemici sono sempre visibili sulla mappa, ma le battaglie reali devono molto di più ai fastidiosi casuali dei primi JRPG. Di tanto in tanto un nemico apparentemente prenderà molti più colpi per scendere, ma c’è poca logica in questo. Ci sono versioni ombra nascoste di alcuni nemici che sono collegati a una serie di missioni di caccia, ma ancora una volta, il design incredibilmente lineare rende trovare questi lontano da una sfida. Spostarsi tra le zone comporta tempi di caricamento così straordinariamente lunghi che io e i miei figli abbiamo inventato una canzone “Loading Quest” da cantare ogni volta.

A parte le missioni di caccia, la maggior parte delle attività in Beast Quest sono missioni di recupero di base. Ciò è aggravato dal fatto che i mostri rilasciano oggetti solo quando ti è stata data la missione pertinente. Ciò significa che è necessario macinare ricompense, alcuni dei quali sembrano artificialmente non comuni, al fine di completare dette missioni. Le ricompense per molte di queste missioni, tuttavia, sono di gran lunga superiori alla loro sfida, poiché spesso ricevi grandi quantità di AP necessari per aumentare di livello le tue abilità. Ciò suggerisce un livello di personalizzazione e di gioco di ruolo che non è realmente presente.

La maggior parte degli incantesimi che sblocchi non sono necessari e qualsiasi preoccupazione per la priorità delle abilità viene rimossa dal fatto che ho finito il gioco con oltre 700 AP non spesi. Allo stesso modo, il denaro è quasi del tutto inutile nel gioco e ti compra solo alcuni aggiornamenti per le tue pozioni e un accessorio occasionale – quest’ultimo invariabilmente inferiore a quelli che si trovano nei forzieri che sporcano i livelli. Anche questi scrigni sono mal progettati in quanto sono aperti da chiavi misteriosamente galleggianti nel paesaggio. Diviso in ferro, bronzo e oro, le ricompense sono monete, con accessori nelle casse d’oro. Tuttavia, sembrava esserci molto più casse che chiavi, quindi c’era poco da guadagnare dall’esplorare completamente i livelli.

Cosa c’è di Buono:

  • I libri sono divertenti
  • non incidente su di me

Cosa c’è di Male:

  • Terribilmente grafica datata e rifiuti prestazioni
  • Noiose missioni e combattere
  • Dolorosamente tempi di caricamento lunghi
  • senza Senso progressione del personaggio
  • Alcuni dei peggiori saltando i controlli in anni
  • Cinico sensazione di prezzo

Io non sono un fan di eccessivamente recensioni negative, e di solito cerco di trovare aspetti positivi sui giochi che sono così spesso fatiche dell’amore e il risultato di molte ore di duro lavoro. Questo non si può dire di Beast Quest però. L’intero gioco sembra una build che è rimasta inedita per 15 anni ed è stata finalmente espulsa nel 2018. Se fosse un gioco a basso prezzo rivolto ai fan più giovani della serie di libri, avrei potuto essere più indulgente, ma rilasciare un gioco così cinicamente scadente e poi avere la guancia pura per schiaffeggiare un prezzo di £30 su di esso è imperdonabile, e non consiglierei nemmeno di prenderlo a un prezzo di vendita. Non funziona nemmeno su un livello “così male che è buono”. Beast Quest è l’equivalente di gioco di Old Yeller, ma senza l’attaccamento emotivo.

Punteggio: 2/10

Version Tested: PS4

– PAGE CONTINUES BELOW –