In un caldo fine settimana primaverile del maggio 1778, un generale adolescente interruppe una festa stravagante tenuta da ufficiali britannici, portando a una gara di ingegno con una forza superiore. Non ci fu molta battaglia, ma l’azione a Barren Hill, a nord-ovest di Filadelfia, fu un classico esempio di manovre militari europee del xviii secolo effettuate sul suolo americano.

Durante l’inverno del 1777, l’esercito britannico aveva occupato la capitale delle colonie ribelli, Filadelfia, mentre l’esercito continentale del generale George Washington tremava e moriva di fame a Valley Forge. Poi, all’inizio di maggio del 1778, le spie di Filadelfia gli comunicarono che gli inglesi si stavano preparando ad evacuare la città. Washington poteva solo sperare di ottenere il valore dei suoi soldi per questa intelligence-il suo conto spese includeva la voce: “Ai servizi segreti durante la detenzione del nemico. di Phila 6 6,170.”Quella somma era pari a sei mesi di paga per circa 150 privati nel suo esercito.

La risposta di Washington a tale intelligence fu di inviare una forte forza attraverso il fiume Schuylkill per proteggere Valley Forge e scoraggiare i raid britannici dal trasportare rifornimenti dalle campagne, come le 2.000 pecore e bovini che si erano appropriati a dicembre. I 2.200 uomini e cinque cannoni che distaccò per la missione sarebbero stati comandati dal maggior generale Marie Joseph Paul Yves Roch Gilbert du Motier, marchese de la Fayette.

Lafayette, come gli americani conoscevano il marchese, era un 19enne magro e dai capelli rossi che era già stato sposato per tre anni. Aveva una figlia di 19 mesi a casa in Francia, e sua moglie di 17 anni aspettava un altro bambino. Per il giovane francese, combattere gli inglesi era stata una tradizione di famiglia per generazioni; 300 anni prima della sua nascita, un Gilbert Motier aveva cavalcato accanto a Giovanna d’Arco come maresciallo di Francia. Nel 1759, quando Lafayette aveva 2 anni, suo padre era stato tagliato a metà da una palla di cannone nella battaglia di Minden durante la guerra dei sette anni. Negli Stati Uniti d’America recentemente dichiarati e ancora merlati, Lafayette probabilmente sperava di imbattersi in William Phillips, l’ufficiale che comandava l’artiglieria che uccise suo padre. Alla fine avrebbe affrontato l’unità di Phillips nella battaglia di Charlestown nel 1781, ma Phillips era morto di febbre prima che Lafayette potesse sparargli.

Non molto tempo dopo che le 13 Colonie dichiararono l’indipendenza dalla Gran Bretagna, Lafayette si avvicinò a Silas Deane, un agente americano a Parigi, e offrì i suoi servizi. Lafayette ha lasciato intendere che avrebbe potuto aiutare gli americani a ottenere aiuti militari dalla Francia, ma ha detto che la sua famiglia non gli avrebbe permesso di unirsi all’esercito continentale a meno che non fosse stato nominato generale. Deane ha abboccato e ha fatto una promessa non autorizzata. Lafayette acquistò quindi una nave da 220 tonnellate con due cannoni e un equipaggio di 30 per salpare verso il Nord America. Il prezzo richiesto era di 112.000 livres. Ha pagato 40 livres in contanti e ha promesso di discutere il saldo con il suo direttore finanziario.

Re Luigi XVI disapprovava i nobili francesi che aiutavano i ribelli contro un re, e mandò un corriere a Bordeaux per convincere Lafayette a non partire, ma il corriere mancò la nave. Il re emise anche un editto che proibiva agli ufficiali francesi di andare nelle colonie britanniche senza il suo permesso e ordinò a tutti gli ufficiali già diretti lì di tornare, “in particolare M. le Marquis de la Fayette.”Una copia dell’editto doveva essere inviata via nave per intercettare Lafayette, ma un burocrate del Ministero marittimo lo restituì al War Office perché non era stato presentato in triplice copia, come richiesto.

La nave di Lafayette si fermò brevemente in Spagna, dove un rappresentante della sua famiglia lo raggiunse e lo rimandò in Francia in carrozza. A Bordeaux, tuttavia, un altro francese promise un grado di generale da Deane persuase Lafayette a tornare alla sua nave. Con gli agenti del re e della sua famiglia che lo cercavano, Lafayette si travestì da corriere e fece il dovere di post rider per tornare alla sua nave in Spagna. Ha finalmente raggiunto Charlestown, S. C., senza soldi. Assicurò la sua nave con una compagnia americana, e poco dopo che i documenti furono firmati, la nave fu misteriosamente naufragata su un bar vicino a Charlestown. Lafayette raccolse l’assicurazione e si diresse verso Philadelphia.

Il numero di ufficiali francesi che richiedevano commissioni stava iniziando a infastidire il Congresso continentale, e Lafayette ricevette una fredda accoglienza quando arrivò a Filadelfia nel luglio 1777. Il Congresso, tuttavia, stava anche cercando di convincere i francesi a sostenere la Rivoluzione, e poiché Lafayette era disposto a servire senza stipendio e pagare le proprie spese, lo firmò. Washington lo portò fuori a cena e gli lasciò rivedere l’esercito, che era accampato alle Cascate di Schuylkill. Lafayette continuava a supplicare di comandare una divisione, suggerendo che gli sarebbe piaciuto attaccare il Canada. Washington cominciò ad irritarsi, ma il giovane generale francese fece bene in alcune azioni di scouting. Fu ferito mentre comandava una ritirata di combattimento nella battaglia di Brandywine l ‘ 11 settembre, e incantò tutti. Nel mese di novembre il Congresso ha votato Lafayette comando di una divisione.

A Valley Forge il 5 maggio 1778, Washington convocò Lafayette, gli disse che la Francia aveva dichiarato un’alleanza ufficiale con gli Stati Uniti contro la Gran Bretagna, e lo baciò su entrambe le guance. Poi venne la decisione di inviare una forza attraverso la Schuylkill con Lafayette al comando.

Anche gli inglesi avevano spie a Filadelfia. Hanno imparato che gli americani erano in movimento, e chi li stava guidando. Non c’era niente che i generali britannici avrebbero voluto meglio che mettere in imbarazzo la nuova alleanza franco-americana catturando il famoso soldato francese.

“Il ragazzo non può sfuggirmi”, ha scritto il tenente Generale Lord Charles Cornwallis. Altrettanto sicuro di aver catturato Lafayette, il tenente generale Sir Henry Clinton ha invitato le belles della società lealista di Filadelfia a una cena proposta per incontrare l’affascinante giovane francese. Si diceva che una nave veloce fosse pronta a portare il prigioniero a Londra dopo la festa.

Ignaro di essere considerato la preda principale, Lafayette guadò lo Schuylkill al Guado di Swede a Norristown venerdì 18 maggio e condusse le sue truppe a sud di Barren Hill, un sito selezionato perché poteva essere visto dal punto più alto di Valley Forge. Lì, ha inviato Brig. Gen. Enoch Poor’s New Hampshire brigade e l’artiglieria su un’altura appena ad ovest della Chiesa luterana di San Pietro, rivolta a sud. Il fianco sinistro della divisione era situato in alcune case di pietra su Ridge Road, vicino a Barren Hill Road. Il fianco destro costeggiava ripide scogliere lungo lo Schuylkill. La milizia della Pennsylvania di 600 uomini del generale di brigata James Potter fu inviata a nord per sorvegliare la strada da Whitemarsh. La compagnia del capitano Allan McLane dal Delaware fu incaricata di sorvegliare la Ridge Road a sud. Con McLane c’erano 50 indiani Oneida che fungevano da scout. Quella notte il Oneida tenuto arco-e-freccia tiro al bersaglio su uno sciame di pipistrelli nel vuoto 17-year-old stone church building.

A Philadelphia, Clinton era stato appena nominato per succedere al generale Sir William Howe come comandante in capo delle forze britanniche in America. Howe si stava preparando a partire per l’Inghilterra, e 22 dei suoi ufficiali scheggiato in 140 sterline ciascuno per mettere insieme una festa di addio stravagante. Chiamarono l’evento la Meschianza, che sostenevano significasse una miscela o un medley, e lo tennero nella villa di Joseph Wharton appena a sud della città, con prati che spazzavano 1.000 metri fino al fiume Delaware. Alle 3: 30 del 18 maggio, gli ospiti si riunirono sul Knight’s Wharf, lungo il fiume dai limiti settentrionali della città. Una flottiglia di chiatte, decorate con bandiere e pavoncelle, trasportava i festaioli oltre il lungomare della città, mentre i cannoni salutavano, la folla applaudiva e le bande sulle navi suonavano “Dio salvi il re.”Le donne indossavano costumi medievali appositamente progettati, e uomini e cavalli vestiti in stile Re Artù giostravano sul prato. C’era un enorme buffet, ballando in una sala specchiata, 20 diversi fuochi d’artificio a partire dalle 10 di sera, una cena di mezzanotte con 430 posti con 1.200 piatti—tutto sommato, la festa più ostentata lanciata a Philadelphia fino a quel momento, e forse da allora.

Il capitano McLane, un cuss coloniale indipendente che era abbastanza ricco da equipaggiare e pagare i suoi soldati di tasca propria, decise di divertirsi un po’. Poco prima dell’alba, lui e alcuni dei suoi 150 uomini, supportati da una compagnia di dragoni, a sinistra Brulla Collina e galoppò passato il British postazioni spaziati lungo Wissahickon Creek a nord-ovest di Philadelphia, e una linea attraverso il nord della città—simulato un attacco da far cadere esplodere vasi di ferro di polvere da sparo e rottami metallici. Le sentinelle britanniche risposero con moschetti e cannoni.

I civili lealisti di Filadelfia alla sontuosa festa a meno di due miglia a sud erano spaventati dalle esplosioni lontane. Gli ufficiali britannici assicurarono agli ospiti preoccupati che il rumore faceva parte dell’intrattenimento, mentre inviavano silenziosamente ordini frenetici e causavano inutile confusione militare. La giostra finalmente si sciolse alle 4: 30 del mattino Gli ufficiali superiori britannici non devono aver avuto molto riposo il Sabato, come hanno pianificato per la mossa contro il ragazzo generale di Washington.

Alle 10:30 del 19 maggio, il magg. James Grant lasciò Filadelfia con 5.500 giubbe rosse e mercenari tedeschi, e 15 cannoni. Grant disdegnava l’esercito americano e una volta aveva annunciato in Parlamento che avrebbe potuto “marciare da un capo all’altro del continente con 5.000 uomini.” Per ora, tuttavia, tutto ciò che doveva fare era dirigersi a nord della città, oscillare verso Whitemarsh, scendere all’insediamento di crossroads di Plymouth Meeting— chiamato per una riunione quacchera del 1703—e tagliare il percorso di ritiro americano. I suoi veterani di battaglia fecero la marcia di 20 miglia all’alba.

Altrove, Gen. Charles “No Flint” Grey stava guidando 2.000 granatieri britannici e un piccolo contingente di dragoni su Germantown Road per colpire il fianco sinistro di Lafayette sulla cresta; le curve di Germantown Road e Ridge Road sono a meno di un miglio di distanza dalla Chiesa di San Pietro. Grey era odiato dagli americani a causa del suo devastante attacco a sorpresa sui continentali dormienti a Paoli l’autunno precedente. Si era guadagnato il suo soprannome raccogliendo le selci dai moschetti dei suoi uomini per assicurarsi che non potessero sparare durante quell’attacco, lasciando loro il compito di massacrare gli americani con le loro baionette.

Altre 2.000 giubbe rosse furono destinate a marciare su Ridge Road per affrontare gli americani a Barren Hill e intrappolarli contro il fiume. Quel corpo era guidato da Clinton e Howe.

Era nebbioso e insolitamente caldo all’alba del 20 maggio, come colonne di soldati britannici arrancato Ridge Road. La loro guardia avanzata montata, trottando avanti, poi si imbatté nel 50 Oneida dipinto in guerra. Gli Oneida, che non avevano mai combattuto prima contro i soldati a cavallo, convulsero, i cavalli inglesi allevati e ogni gruppo saggiamente si voltò e rapidamente andò dall’altra parte. Il trambusto allertò comunque i soldati di McLane. Catturarono due granatieri britannici nella parte avanzata e li interrogarono sui piani del nemico.

La milizia in inferiorità numerica di Potter rilevò l’approccio di Grant e si ritirò, ma trascurò di informare Lafayette che il nemico era sulla strada. Ha ricevuto un avvertimento da Whitemarsh quando un capitano Stone (alcune fonti lo chiamano Stoy) della milizia è stato svegliato nella sua casa dalle orme di passaggio regolari britannici. Il capitano eccitato saltò fuori dal letto nudo, saltò fuori da una finestra sul retro e corse per Collina sterile. Crollò per la stanchezza nei pressi di Plymouth Incontro, ma rimase a bocca aperta il suo messaggio ad un cittadino, variamente conosciuto come Rudolph Bartle o Richard Bartleson, che correva il resto del modo di avvisare Lafayette. L’intelligence arrivò anche da McLane, che corse di nuovo a Barren Hill dopo aver lasciato una compagnia di fucilieri per entrare in contatto con la forza di Clinton sulla cresta e combattere un’azione ritardante.

Gli inglesi ora avevano circa 10.000 uomini che manovravano per catturare le 2.200 truppe continentali in un involucro a tenaglia, con il fiume alle loro spalle. Lafayette sapeva di non avere i numeri o la posizione per affrontare un esercito che lo superava 5 a 1. Sapeva anche, tuttavia, che un’altra strada conduceva oltre Spring Mill a Matson’s Ford, un attraversamento del fiume nell’attuale città di Conshohocken. La strada passava lungo un terreno roccioso e boscoso che era basso e lontano dalla vista del nemico.

I soldati americani stavano perforando a Valley Forge da marzo sotto la direzione del maggior generale prussiano barone Friedrich von Steuben. Tra le altre cose, avevano imparato a ritirarsi rapidamente in colonne di plotone compatte e ordinate, in stile europeo. Lafayette avrebbe ora messo alla prova la loro nuova disciplina. Stabilì con calma una piccola retroguardia intorno alla chiesa, inviò teste di colonne portanti bandiere per simulare l’inizio di un attacco contro Grant, e tirò indietro il grosso della sua forza attraverso lo Schuylkill al Guado di Matson. Quando Clinton e Grant mossero le loro forze in avanti per chiudere la trappola, furono costernati di imbattersi l’uno nell’altro. Gli americani erano scivolati fuori dalle pinze.

Gli inglesi raggiunsero le ultime unità americane all’attraversamento del fiume. Seguì una breve schermaglia in cui nove americani furono uccisi o catturati, mentre gli inglesi contarono due morti e sette feriti.

Lafayette formò rapidamente i suoi uomini e cannoni lungo la riva occidentale dello Schuylkill. Giudicando che sarebbe stato suicida tentare un assalto attraverso il fiume, gli inglesi si voltarono e marciarono verso Filadelfia, caldi ed esausti. Nel districare la sua piccola divisione da una trappola di fronte a 5-a-1 probabilità, l’adolescente generale francese aveva superato in astuzia e umiliato alcuni dei migliori generali della Gran Bretagna.

Da allora gli storici hanno messo in dubbio la saggezza della decisione di Washington di inviare un contingente così grande sulla rischiosa missione a Barren Hill. Per i militari, tuttavia, il ritiro regolare di Lafayette era un indizio che un nuovo esercito continentale professionale era emerso da Valley Forge, uno che aveva la possibilità di affrontare il potente esercito britannico e vincere l’indipendenza per le colonie americane. Avrebbe avuto una maggiore opportunità di dimostrare il suo coraggio un mese dopo a Monmouth Court House.